LA CULTURA COME MEZZO PER COMBATTERE IL DEGRADO

30 MAGGIO 2016
CONDIVIDI
Oggi pomeriggio ho avuto l'opportunità di realizzare per il Gazzettino un servizio davvero interessante sul commercio a Mestre.
Alessandra Barbiero, commerciante che ha la sua attività in via Carducci (zona di Mestre tristemente nota alla cronaca locale) ha deciso di valorizzare la propria vetrina e quella dei negozianti attigui con una serie di opere realizzate dal pittore Luciano Chinaglia.
Il risultato mi ha lasciato davvero a bocca aperta.
L'omogeneità stilistica e cromatica che si è venuta a creare lungo il portico mi ha dato l'impressione di trovarmi in una galleria d'arte. Il bello è che opere e merce in vendita coesistevano senza rubarsi la scena a vicenda. Ogni singolo quadro sembrava essere lì da sempre.
La cosa che però in generale ho più apprezzato è l'idea di fondo che, seppur possa sembrare davvero semplice, è nonostante tutto molto efficace.
Usare la cultura per combattere il degrado e nel contempo rendere l'arte accessibile a tutti.
Dicono che un euro investito in cultura è un euro in meno da investire in sicurezza.
In questo caso dei comuni cittadini che vivono le problematiche della propria città hanno deciso di impegnare solo il proprio tempo e la propria arte.
La fotografia qui sotto secondo me racchiude proprio il significato di questa iniziativa: nella frenesia dei nostri giorni rallentare, trovare un momento per godere del bello, vivere.
E vivere la città.

Comment

There is no comment on this post. Be the first one.

Lascia qui un tuo commento!

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.