IL (MIO) SIGNIFICATO DI FOTOGRAFIA ANALOGICA

13 MAGGIO 2016
CONDIVIDI
Parto con la premessa che questo non sarà uno dei soliti post noiosi sull'eterna sfida tra fotografia analogica vs fotografia digitale.
Cercherò di parlarvi invece di cosa è la fotografia analogica per me e perché secondo me può andare a braccetto con la sua "eterna rivale".
Quando mi sono avvicinato a questo mondo 5 anni fa non avevo preso in considerazione nemmeno per un secondo di buttarmi sulla pellicola, vittima della generazione digitale ho sempre avuto una concezione più moderna della fotografia. Mi sono subito approcciato al digitale imparando a riconoscerne pregi e difetti. Col passare del tempo però mi sono lentamente reso conto che quelli che pensavo fossero i pregi erano in realtà dei limiti. Non parlo però di limiti dello strumento ma bensì dei limiti con il quale un fotografo è costretto a fare i conti. Paradossalmente scattare a raffica senza alcun vincolo di numero lo trovo limitativo, limitativo mentalmente dico. Penso che non avere limiti porti ad essere superficiali.
Ed ecco che entra in gioco la fotografia analogica!
Già, perché la fotografia analogica non perdona la superficialità ed è per questo che penso sia un passaggio fondamentale nel percorso formativo di un fotografo.
Ho iniziato per pura curiosità scattando delle Polaroid con una vecchia macchina ritrovata in un cassettone di casa. Potrà sembrare assurdo ma fin da subito ho imparato a non sprecare. Si, perché quando un singolo scatto, oltre ad essere unico e potenzialmente irripetibile, comincia anche a costare 3 euro, volente o nolente, devi rientrare nell'ordine delle idee di usare al massimo le tue capacità tecniche e la testa prima di premere il pulsante. La fotografia comincia quindi quella transizione dal "punta e scatta" allo "scatto ragionato". Ciò non significa rinunciare alla propria impulsività creativa ma piuttosto è un pretesto per aumentare la propria consapevolezza nello strumento utilizzato.
Lavorativamente parlando è scontato che non smetterei nemmeno per un secondo di usare la mia reflex digitale però, riallacciandomi all'inizio del mio post, penso che ogni fotografo dovrebbe concedersi un'esperienza in analogico per dare un valore aggiunto al proprio lavoro.

Comment

There is no comment on this post. Be the first one.

Lascia qui un tuo commento!

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.